Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Rosalba Console: La mamma che corre più veloce. 

Rosalba Console

Rosalba Console è nata a Martina Franca (Taranto) il 17/12/1979, alta 1.60 per 42kg di peso. Corre per le Fiamme Gialle ed è allenata da Piero Incalza. Rosalba è una delle migliori giovani fondiste azzurre. Ha iniziato cimentandosi su pista con ottimi risultati, dopo di che è passata alla strada. In carriera vanta 2 vittorie e numerosi piazzamenti. Ha esordito nella maratona di Maratona di Padova nel 2001 con una splendida vittoria. È sposata con Daniele Caimmi.

L'11 Ottobre 2007 è nata la primogenita di casa Caimmi, Francesca. E’ senz’altro un pezzo di storia della maratona rosa in Italia. Un fisico minuto, un carattere riservato ma quando indossa il pettorale, Rosi mostra il suo talento dal primo passo.
.

Ciao Rosalba! A 29 anni, con una stupenda figlia, a chi ti vedeva già sul viale del tramonto hai risposto con la vittoria dell’ultima Maratona d’Italia a Carpi. Diventare mamma ti ha reso ancora più forte?
Rosalba: ho più stimoli….mi sento più forte, sia fisicamente che mentalmente…e poi diventare mamma è sempre stato un mio grande sogno!ora mi sento completa!
.
Questa vittoria è solo il coronamento di tanti altri successi... In ambito agonistico quali sono stati i tuoi risultati più prestigiosi?
Rosalba: ho vinto medaglie importanti agli under 23, argento agli europei nei  10000 m. Ho vinto i mondiali universitari sempre a 22 anni…dopo, tanti bei piazzamenti. Quando ho cominciato a fare la maratona ho vinto a Padova, Vienna, seconda a Parigi ….ho corso 3 mondiali, due europei, un’olimpiade…..
.
Qual è il titolo che ricordi con maggior affetto? Ce n’è uno a cui sei maggiormente legata?
Rosalba: Ogni gara per me è importante. Non importa se vinto o se perdo…quindi ricordo allo stesso modo tutte le gare che ho disputato.
.
Quando hai cominciato a correre? E quando ti sei accorta di essere così forte?
Rosalba: ho iniziato a correre a 11 anni..l’ho fatto per gioco fino a 19 anni …dopo la gente che era vicino a me mi ha fatto capire che con il mio talento e la mia testardaggine sarei potuta arrivare in alto.
.
Non è un segreto che l’atletica leggera in Italia stia attraversando un momento difficile... Le piste si svuotano, i ragazzi preferiscono altre discipline che mostrano il miraggio di ricchezza in cambio di poca fatica. Cosa diresti a un giovane che vuole cominciare a correre?
Rosalba: A me l’atletica mi ha dato tanto …quasi tutto! Ho conosciuto mio marito grazie allo sport che faccio…ho girato il mondo, mi ha dato un futuro  assicurato grazie al gruppo sportivo fiamme gialle….
.
Quanto peso ha la cosiddetta vita d’atleta (alimentazione, stile di vita) quanto la dote fisica e quanto l’allenamento, per raggiungere buoni risultati?
Rosalba: tutto ha un suo peso… ma, se il mix di queste caratteristiche si combina in maniera tale da renderti unico, diventi un campione.
.
Come hai conosciuto EthicSport? Cosa pensi di questa linea di integrazione?
Rosalba: Grazie ad un amico. Ha iniziato ad usare i prodotti Ethicsport mio marito dal quale “rubavo” qualche prodotto…mi sono subito piaciuti. E’ una linea completa per tutte le esigenze dello sportivo! Io non ne posso fare a meno..soprattutto nei periodi di allenamento intenso!
.
Tu sei sposata con un altro campionissimo dell’atletica italiana: Daniele Caimmi. Chi è il più forte in famiglia? Tu o Daniele?
Rosalba: Non lo so chi è il più forte, so solo che abbiamo entrambi una gran testa dura…forse io sono più “cattiva” e a volte nell’atletica non guasta!
.
Tra 12 anni la piccola Francesca ti potrebbe dire: “Mamma, voglio fare l’atleta professionista!” Cosa proveresti? Che consigli le daresti?
Rosalba: Gli direi quello che mi ha detto anche mia madre: voglio che tu sia felice….
Io lo sono tanto!

Una grande atleta e una bella persona. Grazie a Rosi, campionessa mondiale militare in carica, per il tempo che ci ha dedicato! Un grande in bocca al lupo per i tuoi impegni futuri!
Crepi il lupo! Grazie a voi!

 

Intervista di Virgilio Ottaviani - www.ethicsport.it