Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Vi consiglio vivamente di provarli soprattutto se amate le lunghe distanze.

booster

Nell’estate del 2008, durante una vacanza in Francia, ho notato che alcuni podisti si stavano allenando indossando degli strani calzettoni sino alla base del ginocchio. Subito pensavo che si trattava di un qualche ritrovato per la circolazione e non mi sbagliavo di molto. In quei giorni sfogliando qualche rivista di podismo, vidi effettivamente che quella specie di calze erano pubblicizzate e si chiamavano BOOSTER. In realtà notavo che per definirli calzettoni...

... mancavano di un pezzo, ovvero terminavano alla caviglia, mentre tutto il piede non era coperto se non da dei normali calzini.

Mi dissi questi Francesi sono sempre un passo avanti di noi !

A giugno di quest’anno dopo averli notati anche in quel gara italiana ho deciso di rivolgermi al mio negoziante di corsa di fiducia, il mitico Simone “Cartom” Crema di Bussolengo (VR)  per acquistarli.

Lui con la gentilezza e la cortesia che da sempre lo contraddistingue me li ha procurati dalla ditta fornitrice-distributrice così li potessi testare.

Che vi devo raccontare, che li ho usati per la prima volta alla Marathon du vignoble d’Alsace in Francia è su di un percorso estremamente “mosso” e sterrato ho chiuso in 3 ore e 21 minuti, miglior crono personale dell’anno, giungendo al traguardo con le gambe veramente toniche.

Trovo queste calze (io utilizzo il modello da corsa, ma esiste da quanto ne so uno da riposo e uno per la vita quotidiana) veramente efficienti, trovo un beneficio nella circolazione e in una minor stanchezza dopo lo sforzo, non ha mai sensazioni di dolore o crampi, soprattutto se corro un “lungo”.

In ogni mia uscita programmata sopra l’ora li indosso ed una volta terminato li tratto con estrema cura, seguendo le indicazioni per la loro conservazione e pulizia indicate nella confezione.

VI CONSIGLIO VIVAMENTE DI PROVARLI SOPRATTUTTO SE AMATE LE LUNGHE DISTANZE.

 

Salionze di Valeggio sul  Mincio (VR), 1 ottobre 2009
Simone Lamacchi
ultramaratoneta tapascione