× Benvenuti sul nostro forum!

Rubrica a cura del Dott. Massimiliano di Montigny - EthicSport Team www.ethicsport.com. Per le vostre domande potete registrarvi sul sito e fare le proprie domande oppure scrivere direttamente a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Dolori alla tibbia e muscoli polpaccio

Di più
7 Anni 10 Mesi fa #61 da guestuser
Buongiorno dottore, Mi chiamo Massimiliano ho 37 anni e corro da circa 2 anni e mezzo. Ho risolto alcuni problemi alle ginocchia con infiltrazioni di acido ialuronico e utilizzo di ortesi plantari, usate con successo fino all’Agosto scorso, durante la preparazione della Maratona di Venezia. Al rientro delle ferie ho notato un leggero dolore alla tibia destra, all’attacco del muscolo del polpaccio. L’ho fatto vedere ad un ortopedico che mi ha detto che erano microlesioni le quali cicatrizzandosi irrigidivano e infiammavano il muscolo. Il tempo passava e ci avvicinavamo alla Maratona che ho cmq corso con il dolore, dato che a muscolo caldo questo diminuisce d’intensità, ma purtroppo non è mai andato via definitivamente. Nel frattempo ho cambiato le scarpe, e ho provato a correre senza i plantari, in un primo momento sembrava andar meglio, ma ad oggi il dolore e l’infiammazione muscolare si è ripresentata non solo nella tibia dx ma anche in quella sx al momento è quest’ultima che mi provoca più fastidio (ho provato un paio di volte a correre con i plantari ma sembrava il dolore acutizzarsi in maniera anche molto rapida). Ora vorrei sapere se sia possibile risolvere questo problema e se dovrei correre con o senza plantari visto che in entrambe i casi il dolore c’è.

Grazie

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 10 Mesi fa #62 da ethicsport
Gent. Sig. Massimiliano,
Buongiorno e grazie per aver scritto alla Rubrica Esperto Risponde del sito Runnerman.
La sua sintomatologia è piuttosto comune nel podista, atleta che sottopone le sue articolazioni e la sua muscolatura a urti continui con il terreno. Quando il problema, come il suo, è serio e difficile alla risoluzione è importantissimo rivolgersi a un centro biomeccanico qualificato per la realizzazione di plantari personalizzati in grado di compensare il problema e sostituirli qualora siano usurati. Anche il cambio di tipologia di calzature in questi casi va subordinato al consiglio di tutti i professionisti coinvolti: biomeccanico della corsa, ortopedico e medico dello sport; è infatti normale che variando qualche parametro si abbia subito un miglioramento nei fenomeni di dolorabilità, essendo coinvolte catene muscolari diverse, ma per una risoluzione definitiva del problema non si può prescindere da una soluzione personalizzata con controlli periodici e sostituzione tempestiva di calzature e plantari non appena siano consumati.
Rimango a sua disposizione per ogni altro chiarimento e porgo
Sportivi Saluti

Dr. Massimiliano di Montigny
Sales Manager - ES Italia S.r.l.
www.ethicsport.it

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: davideethicsport
Tempo creazione pagina: 0.044 secondi
Powered by Forum Kunena